Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Setting Sun - Fantasurreal
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_Fantasurreal_cover1.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_Fantasurreal_cover1.jpg" alt="Setting Sun - Fantasurreal" width="140" height="140" />
Genere: pop, folk, songwriting
Data uscita: 02/02/10
Label: Young Love Records
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.5/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Setting Sun - Fantasurreal

Quarta prova sulla distanza che conta per Setting Sun, realtà artistica che ruota attorno alle idee del cantante e songwriter Gary Levitt, il quale, come di consueto, è supportato da un nutrito collettivo di musicisti (una decina tra i credits).

“Fantasurreal” esce per Young Love Records ed è, diciamolo senza giri di parole, un album delizioso. Perché nelle sue dieci canzoni si possono rintracciare gli indizi che portano dritti alla prova dell’emozione, fatta di melodie calde e cullanti, di sfumature timbriche – violini, cori femminili, fiati – mai messe a caso e sempre in funzione della voce di Levitt, al contempo flessuosa e decisa.

Brani come “Don’t Grow up” riconciliano con un sapore folk/pop altrove sempre più stereotipato; piccole invenzioni, vedi il violino di Erica Quitzow che dialoga in solitudine con la ritmica, sanno di caparbietà e voglia di divertirsi in barba ai cliché del mercato. Come se non bastasse, oltre alla tendenza a fare musica con dedizione e buon gusto, va sottolineata anche la nutrita varietà di soluzioni stilistiche che rendono l’ascolto scorrevole.

Dalle veloci e sbarazzine movenze di “Driving”, passando per gli atteggiamenti gitani di “I Love Mellotrons”, fino alle storture electro pop della conclusiva “The Sympathetic CEO” è una bella giostra, piena di sorprese, sulla quale si fa volentieri un giro. Wonderful.




Nessun articolo correlato
il mer 03 marzo 2010 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 5
non valutato -