Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Marvin - Hangover the Top
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_marvin_.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_marvin_.jpg" alt="Marvin - Hangover the Top" width="140" height="140" />
Genere: electro pop, noise
Data uscita: 6/4/10
Label: Africantape / Goodfellas
Durata: Quanto Basta
Sito Web: N.A.
Voto: 8.0/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Marvin - Hangover the Top

A tre anni di distanza dall’esordio, il trio francese Marvin riversa l’esperienza acquisita (grazie alle molte live performance in giro per l’Europa) in “Hangover the Top”, un album di sicura efficacia.

Questo secondo lavoro presenta nove brani che portano l’ascoltatore a spasso tra reminescenze kraut, affascinanti discese nel synth-rock e una serie di combinazioni ritmico-melodiche tutt’altro che scontate.

La band riesce a infilare una buona serie di pezzi capaci di avvicinare movenze noise a situazioni più lineari (“Roquedur”), e soprattutto non si lascia mai prendere la mano quando l’atmosfera volge verso lidi di facile fruizione (“Dirty Tapping”).

Galoppate strumentali aggrovigliate (“Au 12”, “Reste bien tranquille”), qualche sconfinamento nel rock più pesante (“Conan le bastard”) e la cover di “Here Come the Warm Jets” del Brian Eno d’annata, ottimamente scontornata e rimessa in piedi con la giusta dose di straniamento, rendono il lavoro dei Marvin tra i più intriganti di questa stagione.




Nessun articolo correlato
il mer 21 aprile 2010 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 1
non valutato -