Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Untied States - Instant Everything Constant Nothing
Genere: indie rock
Data uscita: 2010
Label: Distile Records
Durata: 44 mins
Sito Web: N.A.
Voto: 8.0/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Untied States - Instant Everything, Constant Nothing

Ci vuole poco per rimanere colpiti dal sound contenuto nelle undici tracce di “Instant Everything, Constant Nothing”, il nuovo lavoro in studio degli americani Untied States. La band di Atlanta – nata dall’inossidabile amicizia tra Colin Arnstein e Skip Engelbrecht – mette in gioco una serie di elementi che, combinati con intuizione, danno vita a un rock entusiasmante, continuamente in bilico tra un approccio di natura punk e una evidente propensione verso le divagazioni ritmico/melodiche.

Elementi che emergono con forza in ogni passaggio. A cominciare dall’opener “Gorilla the Bull”, con le sue tensioni chitarristiche, abrasive al punto giusto, passando per le reiterazioni melodiche dell’ipnotica “Not Fences, Mere Masks”. Ma senza dimenticare la fatalità della scura “Unsilvered Mirrors”, le oscillazioni visionarie di “These Dead Birds”, e l’incalzante andamento di “Take Time For Always”. E, non citandola, faremmo un torto al rock obliquo di “Holding Up Walls”, e mancheremmo di rispetto alla salsa psichedelica che accompagna “Bye Bye Bi-Polar”.

A conti fatti ci sarebbe da menzionarli tutti i pezzi di quest’album, perché ognuno rappresenta la personalità multiforme della band, un quartetto di belle speranze che ha nella sua natura la costante tentazione di raddoppiare la posta in palio, senza lasciare nulla al caso, e soprattutto senza lasciare campo allo scimmiottamento dilagante che spesso asfissia le realtà emergenti. Coraggiosi, e dunque originali.




Nessun articolo correlato
il ven 30 aprile 2010 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 12
non valutato -