Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Genere: metal
Data uscita: 10/2010
Label: Southern Lord/Goodfellas
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.0/10
Recensito da: Giuseppe Celano

Recensita il gio 14 ottobre 2010 da Giuseppe Celano
Punteggio Assegnato all'Autore: 80/100

Secret, The

Solve et Coagula


Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto


Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana.
Arrivati al terzo disco i triestini non perdono un solo grammo del loro potenziale esplosivo, macinando riff angolari a go go.
I pattern ossessivi delle pelli ti riducono il cervello in una poltiglia fritta, come in Strange Days di Kathryn Bigelow.

Tutto questo, tradotto in generi, suonerebbe come un mix fra grind/cust/metal, sparato a velocità sostenuta da un’arma automatica che mai s’inceppa (Where It Ends).
L’opener Cross Builder è una sferzata d’odio puro che nasce dalla disillusione di questo particolare periodo storico, dove religione, fede e stato rappresentano il decadimento della società, ormai inersorabilmente proiettata verso l’autodistruzione (Pleasure In Self Distruction).

Ogni brano è vicino alla massa critica, la sezione ritmica frantuma tutto ciò che trova davanti al suo cammino.
Il canto, in realtà un rantolo belluino sepolto nel missaggio, si fa portavoce di un disagio allucinante, mentre i riff richiamano atmosfere hard-core, legate a chiurgici interventi metal.
Le armi dei The Secret sono cariche di munizioni al fosforo bianco quando il songwriting si sedimenta su parti più dilatate (Eve Of The Last Day), di proiettili all’uranio, sublimati nell’impatto, quando la band propende per passaggi parossitici (War Desire).
Chiude il tutto la feroce 1968, stendardo della nobile attitudine no compromise di questa band.

Ottima uscita, da avere assolutamente!

Articoli Sponsorizzati


Bookmarks:               Bookmark and Share

Pubblicato in Recensioni Cd Musicali
Nessun articolo correlato