Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Genere: rock
Data uscita: 2011
Label: MadMan Records
Durata: N.A.
Sito Web: Clicca Qui
Voto: 6.0
Recensito da: Marcello Zinno

Recensita il lun 14 marzo 2011 da Marcello Zinno
Punteggio Assegnato all'Autore: 60/100

Violaspinto

Indivenire


Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto


Un periodo ricco di proposte italiane questo, che ci porta stavolta una band audace, armata di molte idee ma messe in campo attraverso scelte chiare, semplici e ben arrangiate.

Non si tratta di un disco impegnativo, diciamolo subito. In costante squilibrio tra il pop più raffinato ed il rock, “Indivenire” deve molto alla tradizione cantautorale italiana mentre i riff si concedono alla scena alternativa degli anni ’90. La voce di Dylan Imberti, in particolare, è ai confini tra un nuovo stile di arrangiamento dei testi ed una scelta non molto melodiosa delle parole; ciò che ci sembra certo è la sua reinterpretazione dei canoni creati dal Maestro Battiato con una dose di personalità propria.

Dei Baustelle ricoperti da una colata di moderno o degli Afterhours molto più architettonici, la maggior forza di questa band e di questo lavoro è il riascolto: in genere sono le composizioni complesse che richiedono tempo per essere metabolizzate, eppure “Indivenire” è diretto ma non basta un ascolto per comprenderlo a pieno.

“Il tuo segreto”, dalle sfumature targate Bluvertigo, presenta un romanticismo timido (come il brano “Schiava”), al confronto del quale i Violaspinto mostrano un certo disagio seppur rappresenti un ingrediente del quale non potrebbero fare a meno.

Il punto di partenza di tutto sono i testi, intorno ai quali gira la musica, tra l’altro proposti in italiano. Il concetto quindi di brano si arricchiesce molto di più, con una cura dei particolari che porta la band anche oltre gli strumenti tipici del genere.

C’è anche tempo per uno sfogo molto rock, quasi punk (“Plexiglass”), per una ninna nanna elettrica (“Il dono”) e per un pezzo strumenale (“Orano”) che riempie la proposta dei Violaspinto.

Alla luce del panorama rock italiano e delle sonorità (vere) con cui siamo cresciuti, non ci sarebbe da stupirsi se tra qualche anno leggessimo il nome Violaspinto in cima alle classificate di ascolti.

 

Articoli Sponsorizzati


Bookmarks:               Bookmark and Share

Pubblicato in Recensioni Cd Musicali
Nessun articolo correlato