Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Genere: metal, alternative, progressive, post..
Data uscita: 28/4/2013
Label: metal blade
Sito Web: Clicca Qui
Voto: 10.0
Recensito da: Emanuele Catani

Recensita il gio 02 maggio 2013 da Emanuele Catani
Punteggio Assegnato all'Autore: 100/100

The Ocean

Pelagial


Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto


Lo confesso. Era qualche mese che non scrivevo una recensione. Essere il direttore di una testata spesso ti porta a lavorare in campi puramente tecnici o amministrativi e a tenere da parte il sincero bisogno di sfogo e la vera passione che ti spinge ad esternare ciò che pensi della musica che ascolti. E così viene meno il tuo "sfogatoio" personale, il tuo poter esprimere il parere su un qualcosa di bello o brutto, il lasciare che il flusso di coscienza e sensazioni prenda concretezza in caratteri, spazi e punteggiatura. Questa volta però, non potevo proprio esimermi dal farlo. Non potevo non dire la mia su questo "lavoro". Impossibile tenere a freno il bisogno di consigliare ai lettori di sfruttare le innumerevoli emozioni che questo CAPOlavoro è in grado di donare alla stragrande maggioranza degli ascoltatori. Basta avere il dono dell' udito, una mentalità aperta nei confronti della musica, un pizzico di dimestichezza con le sonorità metal e dintorni e il gioco è fatto: Il miglior disco del 2013 scorrerà come un fiume nelle vostre orecchie, risuonando scrosciante come l'acqua di un oceano nella vostra anima.
E qui mi rivolgo agli appassionati di metal, progressive, extreme e compagnia di panorama, come pure a tutti gli appassionati della musica valida in ogni sua espressione:
prendete Oceansize, Amplifier, Motorpsycho e Mastodon , gli Opeth e i loro contrasti drammatici, un pizzico di Ayreon e Dream Theater(ma solo le cose di maggior gusto, eleganza e maturità), estremizzate il tutto con una spruzzata di ritmica Meshugghiana coadiuvata dalla la propulsività fusion dei Cynic, controbilanciatela con intarsiature care ai vecchi Radiohead più ispirati; dunque, aggiungete sonorità vicine ai grandissimi quanto nuovissimi Tesseract e lasciate sciogliere con del post metal/rock in stile Isis. Ora, miscelate bene il tutto("agitato, non mescolato")con inserti pianistici(rigorosamente a coda), slanci in armonie celestiali, melodie mai scontate e al tempo stesso incisive e romantiche, lasciate lucidare il tutto da suoni cristallini e da un lavoro di arrangiamento sconvolgente e siete arrivati a capire una piccola parte cosa vi aspetta non appena vi porrete in balia di questo Oceano ricolmo del meglio che ci sia in giro nel panorama.
Niente è fuori posto, tutto si alterna, mischia, armonizza alla perfezione. Anche nelle vocals: puntualmente e SOLO quando è necessario, il growl sovrasta le luccicanti lyrics in voce clean del sempre più bravo singer e le coglie in flagrante a giocare con gli archi(ARCHI..NON TASTIERE) che di tanto in tanto fanno capolino sublimando il contesto. Il resto è inutile descriverlo. Basta dire che un buon gruppo con le idee che ci sono in questo disco avrebbe potuto metter su una dignitosa carriera.
Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che traborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il biglietto per l'Olimpo della musica per i sempre più sbalorditivi the Ocean. Inevitabile Chapeu per loro e applausi scroscianti.
E voi??? Ancora li?? Non sarete mai così contenti di aver speso il vostro denaro in qualcosa.
E "il naufragar vi sarà dolce in questo.."

Articoli Sponsorizzati


Bookmarks:               Bookmark and Share

Pubblicato in Recensioni Cd Musicali