Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...


The Good, The Bad And The Queen
Genere: Pop Rock
Data uscita: 2007
Label: Emi
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.5/10
Recensito da: Enrico Mainero
The Good, The Bad And The Queen

The Good, The Bad And The Queen

Messe da parte mire espansionistiche verie e obbiettivi monetari di sorta, The Good, The Bad And The Queen si dimostra un proggetto concreto, fondato attorno alla voglia di fare musica di quattro signori che con le sette note ci sanno decisamente fare. Damon Albarn ha messo in piedi un gruppo straordinario, sfornando un disco da ascoltare, capire e godere. Tutto nasce da un viaggio in Nigeria insieme a Simon Tong (dai Verve ai Blur del post Coxon) per registrare del materiale con Tony Allen (batterista di Fela Kuti) e altri musicisti del luogo.

Prima che il proggetto prenda vita però manca l’incontro decisivo con Danger Mouse e soprattutto con Paul Simonon. Il lavoro riflette in maniera amara e ironica sull’Inghilterra odierna, servendosi di ricordi personali ed invenzioni letterarie varie. History Song è un lento susseguirsi di arpeggi chitarristici stanchi e malati, in cui giganteggia la calda voce di Damon Albarn.

Accenni tastieristici e soavi cori di sottofondo cullano verso lidi lontani e misteriosi. Se Northern Wale mette insieme vecchie melodie che ricordano i primissimi Blur (con odore di filastrocca elettronica alla Gorillaz), la vera sorpresa del disco è Kingdom of doom; il pezzo vanta una melodia che affascina fin dai primissimi ascolti e un’atmosfera che fonde delicatamente elementi acustici e elettronici (prendendo spunto direttamente dalle esperienze Beatlesiane di Revolver). Il pezzo si interroga sull’attualità di una nazione che non sa ammettere le proprie responsabilità. A Soldier’s Tale invece è un’amara riflessione sulla guerra, tra Iraq e Afghanistan, con citazione western di morriconiana memoria. All’interno del lotto troviamo ovviamente anche numerosi elementi che rimandano ai Clash; e poi a dosi varie di Reggae, Pop, Psichedelia e Dub (la malinconica Behind the Sun).


Nessun articolo correlato
il gio 16 ottobre 2008 da Enrico Mainero
Commenti: 1 Punteggio Assegnato all'Autore: 85/100
non valutato -