Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...


Down - Over the Under
Genere: Metal
Data uscita: 2007
Label: Roadrunner
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 9.0/10
Recensito da: Giuseppe Celano
Down - Over the Under

Down - Over the Under

Sembra che la colpa per la nascita dell'album definitivo dei Down, "Over The Under", sia da attribuire al primo album dei Witchcraft. Anselmo racconta, infatti, che, trovandosi in un negozio di tatuaggi, una musica abbia completamente attirato la sua attenzione e il suo pensiero sia subito andato a Pepper Keenan (C.O.C), che non sentiva da due anni.

Questi i presupposti che hanno portato alla luce un album molto più black dei precedenti.
Atmosfere blues dolenti, come del resto lo è Anselmo, che nel frattempo ha vissuto l'uragano Kathrina, un'operazione chirurgica e l'assurda morte del chitarrista Dimebag Darrel (Pantera).
L'intro di "3 Suns And 1 Star" è la prima rasoiata al vetriolo che squarcia il silenzio, un perfetto esempio della sintesi fra Pantera e C.O.C.

Tutto il blocco sembra non cedere mai nella sua pesante corsa tra le paludi tanto amate da Phil e soci. Blocchi granitici ed angolari, spinti dal rantolo belluino di un Anselmo, pieno di rabbia per troppo tempo compressa nel suo animo.
Il fantasma di Kathrina è ancora tangibile e Phil prova ad esorcizzarlo nella bella "The Path".
I Down di oggi mi ricordano i Led Zeppelin più neri, quelli di "When The Levee Breaks", tanto per capirci. Chiude l'intero lotto la superba e maestosa "Nothing in Return", che rallenta leggermente questa folle corsa, per adagiarsi su chitarre e piano elettrico. L'oscura e sognante ballata mette in risalto le qualità canore di Phil.

Un album da avere a tutti i costi, insomma, da esibire come trofeo quando qualcuno a casa vi chiederà qual è l'ultima cosa che vi ha travolto totalmente.
Down, un ritorno dovuto e necessario!!


il gio 01 gennaio 1970 da Giuseppe Celano
Commenti: 1
non valutato -