Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...


Combo de la Muerte - Tropical Steel
Genere: Voodoo Latin Jazz
Data uscita: 2008
Label: No Shoes Records
Durata: 58:53
Sito Web: N.A.
Voto: 9.5/10
Recensito da: Renzo Giannini
Combo de la Muerte - Tropical Steel

Combo de la Muerte - Tropical Steel

Ora concentratevi e immaginate otto musicisti; non immaginate otto musicisti qualsiasi, pensateli con radici cubano-tedesche (bell’accostamento, eh?), con un background latin jazz, appassionati di heavy metal e, soprattutto, immaginateli molto, ma molto, preparati. Fatto? Ok, adesso lasciateli un attimo da parte.
Adesso immaginate grandi capolavori del passato dell’heavy metal classico: immaginate Wratchild degli Iron Maiden, immaginate South of Heaven dei Slayer, immaginate Breakin’ the law dei Judas Priest. Fatto?
Bene, ora prendete gli otto musicisti e tutti i capolavori del passato che vi sono venuti in mente, uniteli e avrete esattamente questo Tropical Steel, prima vera creatura del Combo de la Muerte. L’album raccoglie 15 classici del metal, ma non può essere riduttivamente definito un disco di cover; le canzoni, infatti, sono completamente riarrangiate (a volte si fa addirittura fatica a riconoscere punti di contatto con l’originale) secondo il loro gusto sudamericano, con il jazz che funge un po’ da fil rouge per tutte le tracce.
Tropical Steel è un’opera originale, fresca e coinvolgente, che riesce a donare nuova linfa a capisaldi della “musica dura”, mostrandoci una nuova anima e nuove sfaccettature di queste composizioni immortali: vi sarà impossibile non innamorarvi del sapore vagamente country che qui assume “Mama, I’m coming home” di Ozzy o dell’atmosfera da jazz club fumoso di pezzi come “Pull the plug” (Death) e “Defender” (Manowar); vi sarà impossibile non innamorarvi delle voci sensuali delle vocalist Mariposa Infierno e Luz Del Bruio che graziano “I wanna be somebody” (W.A.S.P.) e “Highway to hell” (AC/DC).
Per riassumere: la qualità delle canzoni è testata da anni di storia, gli arrangiamenti (ad opera Juan Veguanza) sono strabilianti e l’originalità è garantita. Fate un salto sul loro myspace e non potrete più fare a meno delle loro trascinanti esecuzioni.


Nessun articolo correlato
il gio 10 luglio 2008 da Renzo
Commenti: 5 Punteggio Assegnato all'Autore: 95/100
non valutato -