Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...


Cynic - Traced in Air
Cynic - Traced in Air
Genere: metal progressive, fusion, altern
Data uscita: 11/2008
Label: Season of Myst
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.7/10
Recensito da: Emanuele Catani

Cynic - Traced in Air

Ben pochi sono i gruppi realmente determinanti per un genere. Ancor di meno quelli che riescono nell'impresa pubblicando un solo album, prima di un inevitabile scioglimento. Ed è una triste sorte quella che tali gemme di rara e inedite fattura ricevono all'uscita nei negozi: immediatamente cestinate senza concedere loro la possibilità di esprimere sin da subito il loro valore, spesso inestimabile.

"Focus" e i suoi autori Cynic rispondono esattamente a questo identikit. Troppo avanti per essere capiti, troppo particolari per essere apprezzati dalla massa e troppo geniali per un ascolto distratto, li Cynic e il loro unico album, finora, hanno influenzato il metal molto più di tante band iperprolifiche, inondandolo di jazz, fusion e progressive che donarono a quel capolavoro irripetibile un' atmosfera assolutamente singolare, a metà strada tra il delirio onirico, il viaggio cosmico e una meditazione tantrica.

La galanteria del tempo è però nota: la fama dell'album crebbe rapidamente negli anni seguenti, influenzando moltissimi gruppi e trasformando, quindi, dall'interno il death metal plasmandolo in technical death metal, definitivamente brevettato da Chuck Shuldiner e i suoi Death.

Dodici anni ed ecco quindi "Traced in Air" degno successore di quel "pezzo unico". Il gruppo californiano ha rivestito il suo discorso musicale della medesima coltre onirica e meditativa, evitando accuratamente di creare un nuovo "Focus" ma piuttosto una sua naturale prosecuzione centrando in pieno l'intento. Meno vicino al death metal del predecessore e più intriso di una vena progressive, acquisisce una verve melodica ispiratissima che ben si lega all'aura sognante che circonda tutto il discorso.

Gli intrecci tra chitarre, basso e batteria propongono disegni ritmici di classe cristallina, degni della grandissima tecnica dei musicisti, mai comunque rivolta all’inutile sfoggio di bravura, con repentini cambi di tempo, alternanze di vuoti o pieni, break fusion e improvvisi slanci e aperture. La scelta vocale che gruppo opera, inoltre, contribuisce a dare all'album un'atmosfera impalpabile.: le lyrics godono di uno spettro timbrico insolito(come su Focus) all'interno del quale si alternano, si rincorrono, si fondono, clean vocals, falsetti, filtri vocali, e growl per un risultato straniante che dona ancor più potenzialità espressiva alle tematiche filosofiche e introspettive dei testi.

Impossibile rimanere indifferenti dinanzi a una musicalità che ammalia tra tessiture sonore fatte di sovrapposizioni di arpeggi, fraseggi e riff ispirati, uno spirito solistico da jazzisti navigati, e una libertà espressiva libera di spaziare in un turbine di idee, invero sempre ben inserite nel contesto. Vero è che non potrà piacere a tutti, ma chiunque abbia voglia di una musicalità che si spinga oltre il solito e giochi sospesa tra melodia e viaggio lisergico non potrà che ascoltare in "Traced in Air" un nuovo capolavoro.




il gio 01 gennaio 1970 da Emanuele Catani
Commenti: 11
non valutato -