Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Have a Nice Life - Deathconsciousness
Have a Nice Life - Deathconsciousness
Genere: darkwave, shoegaze, industrial
Data uscita: 2008
Label: Enemies' list
Durata: 85 mins
Sito Web: myspace.com/haveanicelife
Voto: 8.0/10
Recensito da: Andrea Ciribuco

Have a Nice Life - Deathconsciousness

Gli Have a Nice Life sono un duo americano composto da tali Dan e Tim, e questo è più o meno tutto ciò che si sa a riguardo. Incidono, infatti, per un'etichetta chiamata Enemies' List, che si propone di usare internet non per rafforzare il mercato discografico, ma bensì per aggirarlo – e come conseguenza di ciò, potete ordinare il loro album d'esordio solo online, dal sito www.enemieslist.net.

Quello che non si sa, lo si intuisce facilmente: la permanenza in una cittadina spenta chiamata Middletown, Connecticut, nonché l'ascolto compulsivo di tutto ciò che di 'depressivo' l'industria discografica ha creato negli ultimi trent'anni, dai Joy Division ai Sisters of Mercy, ha creato un gusto per le atmosfere 'oscure' che permea le loro canzoni, unito ad una certa ironia nera, riscontrabile nei testi quanto nel loro myspace ( www.myspace.com/haveanicelife ).

I due puntano alto, forse troppo per un esordio, cercando di scrivere il disco più deprimente di sempre. Ma quello che conta è che la loro ricetta (molta dark-wave anni '80, molto di quello shoegaze che sta tornando di moda, un pizzico di industrial e psichedelia lo-fi) funzioni nel creare un'atmosfera ben definita. È evidente fin dal primo brano: A Quick One Before the Eternal Worm Devours Connecticut, alla faccia della brevità evocata nel titolo, trascina subito l'ascoltatore in un lungo crescendo di effetti, arpeggi e chitarre distorte, un dark 'ambientale' nel quale ogni tanto fanno capolino voci lontane come fantasmi.

I brani successivi si muovono alla ricerca di tale atmosfera, fra melodie sontuose e retrò alla Cure sporcate di distorsioni (Bloodhail) e dialoghi alla Joy Division fra una batteria scarna ed essenziale ed un basso cupo e rotondo (Telephony). Le voci sono qui solo uno strumento come gli altri, destinato ad entrare sempre dopo qualche minuto nei brani, con lamenti corali, eterei e quasi incomprensibili. Le parti di tastiera a volte evocano musiche gotiche da film horror, ma è di un orrore umano e quotidiano, ben poco sovrannaturale, che gli Have a Nice Life vogliono occuparsi, come si nota dal sound volutamente amatoriale e sporco.

La svolta dell'album arriva con Waiting For Black Metal Records To Come In The Mail, che dopo quasi due minuti di effetti fa partire una batteria incalzante ed un riff di chitarra trattato alla maniera degli shoegazer, donando nuova vivacità al disco. Da lì in poi, salvo i minuti iniziali di psichedelia alla Syd Barrett di Holy Fucking Shit: 40,000, i due ci vanno pesanti sul pedale dell'industrial e del noise, come in Deep, Deep o nell'estenuante cavalcata finale di Earthmover.

Un album complesso da capire, dunque, più facile da interiorizzare dopo averne assaporato le atmosfere che dopo averne sviscerato le varie influenze. Va riconosciuto agli Have a Nice Life un pregio rispetto alle miriadi di band alternative che si ispirano agli stessi modelli, e cioè la rielaborazione personale invece della pura e semplice imitazione. I due non cercano mai l'orecchiabilità o la facile riconoscibilità del pezzo, creando un album dal quale è impossibile trarre un singolo, ma che è difficile non ascoltare fino alla fine una volta iniziato.




Nessun articolo correlato
il mer 04 febbraio 2009 da Andrea Ciribuco
Commenti: 4 Punteggio Assegnato all'Autore: 80/100
non valutato -