Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Morrissey - Years of Refusal
Morrissey - Years of Refusal
Genere: pop / rock
Data uscita: 16/2/2009
Label: Decca
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.1/10
Recensito da: Pierluca Miccichè

Morrissey - Years of Refusal

Il vecchio leone ruggisce ancora, quindi. Eh si, perché a ridosso delle cinquanta primavere, e a tre anni dal discreto Ringleader of the Tormentors, l’ex ragazzo con la spina nel fianco se ne esce con un disco bello, profondo ed ispirato come non accadeva dai tempi di Vauxhall And I (era il 1994, gli Smiths erano ancora più di un vivido ricordo e i capelli erano ancora tutti neri, sia nella testa del Moz che in quella del vostro umile e, ahimè, brizzolato recensore), a dimostrazione di come il Nostro a dispetto dell’età anagrafica, stia vivendo una seconda giovinezza artistica, inaugurata con quel You Are The Quarry, che nel 2004 ne segnava il ritorno sulle scene dopo sette anni di (volontario) silenzio.

E’ un disco potente questo Years of the refusal, diretto e senza fronzoli, con arrangiamenti semplici ed efficaci e con le chitarre perennemente sugli scudi. L’iniziale Something Is Squeezing My Skull è la frustata punk che non ti aspetti; l’incedere solenne di Mama Lay Softly On The Riverbed e il ritmo incalzante di All You Need Is Me regalano all’ascoltatore momenti di gioia pura, cosi come le atmosfere tex-mex della riuscita When Last I Spoke To Carol.

Spetta poi a It’s Not Your Birthday Anymore e a You Were Good In Time il compito di rallentare i ritmi (ballad dal piglio energico la prima, ballatona melanconica in puro morrissey style la seconda); ma è l’urgenza della conclusiva I’m OK By Myself con le sue chitarre ruggenti e la sezione ritmica sugli scudi che sintetizza alla perfezione lo spirito di un album assolutamente, decisamente e fottutamente rock: play it loud, please.




il gio 01 gennaio 1970 da Pierluca Miccichè
Commenti: 3
non valutato -