Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Bon Iver - For Emma Forever Ago
Bon Iver - For Emma, Forever Ago
Genere: songwriting
Data uscita: 2007
Label: Jagjaguwar
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 9.0/10
Recensito da: Patrizio Schina

Bon Iver - For Emma, Forever Ago

Al centro c’è una voce ( e che voce !), una chitarra acustica e niente più. Intorno ci sono rumori forse casuali, accenni di elettrica e trame interrotte. E’ racchiuso in questo semplice e al tempo stesso caotico quadro, il segreto di questo piccolo capolavoro, perché non è esagerato chiamare "For Emma" capolavoro. In molti affermano che non ha più senso comporre musica per chitarra e voce, che tutto è stato detto e fatto. Eppure a volte ci si trova ad ascoltare un artista che racchiude in sé il lirismo di Antony Hegarty, la fragilità del compianto Jeff Buckley e la profondità di Neil Young.

L’artista in questione è Justin Vernon e Bon Iver è la sigla dietro la quale si nasconde insieme a Mike Noyce e Sean Carey. "For Emma, Forever Ago" (2007) segna l’esordio di questo particolare gruppo americano in cui Mr Vernon è l’indiscusso deus ex machina, il disco stesso è stato registrato nella sua casa del Wisconsin. Quella parte di critica sempre ansiosa di affibiare etichette non ha esitato a definire il Bon Iver’s sound in vari modi : new folk, alternative folk o addirittura psycho folk. Nulla di più sbagliato, perchè se la creatura di Justin Vernon si nutre degli ingredienti tipici del folk, il risultato finale è quanto di più lontano dal “movimento” del furbetto Devendra Banhart.

Basta ascoltare l’iniziale “Flume” per rimanere abbagliati dalla grazia di questo disco, il falsetto di Vernon, un’acustica ruvida e calda al punto giusto e quei disturbi intorno a sporcare il tutto per creare una grazia terrena. Il discorso si fa ancora più interessante con la successiva “Lump Sum”: ad un breve intro dal sapore sacrale segue una ballata il cui il ritmo si fa paradossalmente dance, ma è solo un’illusione, perché la voce di Justin Vernon riesce a trascinare il brano ovunque, attraversando la musica totalmente. Ormai catturati dallo stato di grazia di questo artista veniamo illuminati ancora una volta dalle bellissime “Skinny love” e “The wolves” dove la voce di Mr Vernon si scurisce incredibilmente per reinventare il blues, il gospel, per trovare una via bianca alla tradizione afroamericana.

Dopo aver carezzato i leggeri territori del pop con “Blindsided”, si arriva a “Creature fear”, il pezzo più schizofrenico dell’album: ad una partenza volutamente stentata e monotona segue un ritornello spinto ed elettricamente teso dove Jeff Buckley fa prepotentemente capolino. “For Emma”, con i suoi deliziosi coretti, i discreti fiati e le affascinanti trame di slide-guitar, è senz’altro il brano più colorito e svagato dell’intera opera. Chiude il tutto la commovente “Re:stacks” dove, per poco meno di sette minuti, i Bon Iver in maniera ortodossa ma non banale danno vita ad una ballata stavolta dal sapore spiccatamente folk.

La bellezza di "For Emma.." è da ricercare nella sua indeterminatezza, nella genuinità tipica del “buona la prima”, formula cara a molti altri capolavori della storia della musica. Ascoltandolo, ci sembra di vederlo, Justin Vernon, seduto intorno al fuoco insieme ai suoi fantasmi, ai suoi ricordi e alle sue speranze, pronto a cogliere la grazia tutta intorno.




il gio 01 gennaio 1970 da Patrizio Schina
Commenti: 6
non valutato -