Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Gazebo Penguins - The Name is not the Named
Gazebo Penguins - The Name is not the Named
Genere: rock indie
Data uscita: 2009
Label: Suitiside Drive
Durata: 33 mins
Sito Web: gazebopenguins.com
Voto: 7.0/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Gazebo Penguins - The Name is not the Named

È cosa nota che tra Correggio e Zocca hanno trovato i natali alcuni tra i rocker più blasonati della Penisola, ma che ci fossero dei pinguini dediti alla trinità chitarra-basso-batteria (e qualche tastiera), ci giunge nuova. Arriviamo sulla notizia in leggero ritardo, dato che i Gazebo Penguins hanno già pubblicato un ep di otto tracce (“Penguinvasion”), ma giusto in tempo per ascoltare la loro prima fatica sulla lunga distanza targata Suiteside records.

“The Name is not Named” è un disco che si risolve in poco più di mezz’ora e dove si susseguono undici pezzi tirati, taglienti, testardi. Il trio non ama perder tempo con i preliminari. Il loro è un approccio che ricorda molto – soprattutto nelle prime tracce - il pronti-via in stile Ramones per intenderci. Non amano neanche dilungarsi a fine brano, attitudine che dovrebbe essere coltivata meglio dalla band, visto il bel risultato ottenuto con l’ottima “Mary Mongò Used Call Me Igino”, non a caso il tratto che a fine corsa ci viene subito voglia di ripercorrere. Per il resto le tracce si mantengono tutte su un buon livello formale, e trovano la loro forza sia negli intrecci vocali di Gabriele Malavasi e Andrea Sologni che nelle continue deviazioni melodiche, in grado di dare all’ascoltatore punti di riferimento sempre diversi e mai scontati.

Debutto niente male dunque; i pinguini vanno tenuti sott’occhio perché hanno le potenzialità per far diventare la loro isoletta di ghiaccio un autentico iceberg.




il gio 01 gennaio 1970 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 9
non valutato -