Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Black Angels - Directions to See a Ghost
Black Angels - Directions to See a Ghost
Genere: psichedelia, rock
Data uscita: 2008
Label: Light in the Attic
Durata: 67 mins
Sito Web: theblackangels.com
Voto: 9.0/10
Recensito da: Ida Stamile

Black Angels - Directions to See a Ghost

Ad Austin, Texas è possibile percepire “le direzioni per scrutare i fantasmi”.
I Black Angels sono i detentori di questa palla di cristallo all'acido, di questa psichedelica pietra filosofale. Sono i Cherubini drogati dai riff abrasivi, Arcangeli dannati tra sabbie riverberate e deserti allucinatori.

“Directions to See A Ghost” è il vortice circocentrico alla mescalina, la spirale di Lsd, la tavolozza sonora mossa da tellurici venti musicali in fumi di Thc. L'album è un labirinto di ritmi apocalittici e tribali dispersi in un Sabbah dove la voce onirica del “Morfeo” Alex Maas è ipnotica morfina per l'ascoltatore.

E così la dose inizia a scorrere nelle vene...In "You on The Run" vive un lugubre tono iniziatico sorretto da chitarre trascendentali. Con Doves “Open your mind” nel caos calmo di suoni. Un freddo serpente a sonagli accompagna il basso di "Science Killer" ed echi minacciosi intossicano l'ossatura musicale. "Mission District" ha delle venature di blues in ritmi serrati e destabilizzanti.

"18 Years" ha un taglio decisamente sixties mentre Deer-Ree-Shee sprigiona tutto il suo misticismo orientale nella libera fluidità del sitar. "Never/Ever" è selvaggiamente delirante, è uno spazio infuocato da voce, tastiera e basso. Le cupe distorsioni di Vikings stimolano oscure visioni. "You In Color" si avvale di una elettrizzante energia chitarristica.

"The Return", attraverso ritmi agrodolci, ci prepara al gran finale. "Snake In The Grass" è maestosamente apocalittica, un gigantesco monumento di 16 minuti, una istintiva guerra sonora in un impeto di geniale follia.

Un album eccezionale da ascoltare senza imporsi filtri mentali come retaggio di una pasta colorata ben assaporata.
Is a Good Trip!!!!




Nessun articolo correlato
il mer 15 aprile 2009 da Ida Stamile
Commenti: 4 Punteggio Assegnato all'Autore: 90/100
non valutato -