Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Ministry - Adios...Puta Madres
Ministry - Adios...Puta Madres
Genere: Industrial Metal
Data uscita: 2009
Label: 13th Planet
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.0/10
Recensito da: Giuseppe Celano

Ministry - Adios...Puta Madres

Come poteva concludersi, dopo quasi trentenni, la parabola di una delle band più dissacranti se non con un mastodontico live che racchiude il meglio del loro ultimo periodo?
Il sound lo conoscete, dal vivo si modifica leggermente, passa attraverso gli Slayer, (Senior Peligro), inserisce elementi hardcore, (No W), e non lascia spazio alla melodia riducendo in poltiglia i luoghi comuni derivati dal logorio dell’industrial.

Gli assoli sono acidi e le ritmiche serrate, “ Let’s Go”.
Al Jourgensen, feroce maestro d’ironia, decide di porre il sigillo sul capitolo Ministry mentre la band è ancora energica, evitando ai fan, ma soprattutto a sé stesso, una pietosa fine, simile alla candela che si spegne lentamente dopo aver arso da ambo i lati.
Inutile sperare che ci possa essere qualcuno capace di colmare questo immenso gruppo che in trent’anni ha radicalmente modificato la fisionomia del metal industriale.
La produzione dell’intenso “Adios…Puta Madre” sembra contenere a stento la pressione che sgorga dalle takes dei Ministry.

Al è in continua lotta con l’amministrazione George W. Bush, qui martellato, deriso e accusato.
La struttura dei brani è compatta e senza compromessi, ma la band riesce a infilare, fra gli ingranaggi del rullo compressore, assoli ricchi di wah-wah caldo e dirompente, “Life Is Good”.
Le martellanti e “fredde” scelte ritmiche intrappolano il rantolo di Jourgensen che, come dal profondo di un gelido antro, urla il suo rancore contro la merda che tenta di sommergerlo, “The Last Sucker”.

Impossibile non provare un senso di soffocamento di fronte al riff ossessivo e paranoico di “Wrong” e non rimanere schiacciati dalla violenza dedicata a George Bush, “Rio Grande Blood”.
Inutile sottolineare che il disco in questione non è roba per completisti o per soli fan, consideratelo un doveroso acquisto nei confronti di una band che ha sempre dato il massimo e che merita il dovuto rispetto.

Da avere assolutamente!




Nessun articolo correlato
il gio 07 maggio 2009 da Giuseppe Celano
Commenti: 7 Punteggio Assegnato all'Autore: 80/100
non valutato -