Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Alela Diane - To Be Still
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/tobestill.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/tobestill.jpg" alt="Alela Diane - To Be Still" width="140" height="140" />
Genere: songwriting, alt-folk
Data uscita: 2009
Label: Rough Trade
Durata: N.A.
Sito Web: N.A.
Voto: 8.0/10
Recensito da: Patrizio Schina

Alela Diane - To Be Still

E' sempre bello ricevere conferme, ed il nuovo disco di Alela è una splendida conferma.
Poco più di un anno fa, da queste pagine avevamo parlato dell'esordiente Diane come di una giovane cantautrice molto promettente, azzardando paragoni arditi, ed il recente TO BE STILL sembra avvalorare decisamente le nostre parole.
Se THE PIRATE'S GOSPEL era stato un accecante diamante grezzo, il suo seguito ,senza aver perso in lucentezza, ha acquistato non poco in armonia e completezza.

Per il suo ritorno, la concittadina di Joanna Newsom, ha fatto le cose in grande e, ad accompagnare la sua chitarra, ora ci sono le percussioni, gli archi ed il peso di un vero gruppo alle spalle. Al centro però c'è sempre la sua voce, magnifica e meno acerba del passato, come testimonia il brano d'apertura "Dry grass & shadows", dove la Diane gestisce con totale maestria le proprie corde. I Fairport Convention vengono palesemente tirati in ballo con l'agreste ballata "White as diamonds" ed Alela se la cava decisamente alla gande nei panni della compianta Sandy Denny.

I toni si fanno più intimi con la delicata "Age old blue", che vede la giovane cantautrice accompagnata dalla calda voce di quello strano personaggio che risponde al nome di Michael Hurley. Il disco si apre e si colora con la solare "To be still", tipico esempio di pop elegante e non banale. "Take us back" riporta Alela dalle parti di " THE PIRATE'S GOSPEL" con una ballata semplice e diretta dove il suo morbido sussurro
rischia di far innamorare chiunque lo ascolti.

Il west coast sound che scorre nelle vene di questa californiana ventiseienne salta fuori nella "mitchelliana" "The Alder trees". Particolare menzione merita l' atipica ballata "My brambles"dove gli archi portano alla mente nientemeno che Nick Drake, mentre il cantato di Alela continua ad essere semplicemente favoloso.

Lo scoglio del secondo album è stato superato a pieni voti ed è ora possibile affermare che Alela Diane è una grande cantautrice.




il gio 01 gennaio 1970 da Patrizio Schina
Commenti: 4
non valutato -