Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Arbouretum - Song of the Pearl
 Arbouretum - Song of the Pearl
Genere: folk, stoner, psych rock
Data uscita: 3/2009
Label: Thrill Jockey
Durata: 38 mins
Sito Web: N.A.
Voto: 8.5/10
Recensito da: Ida Stamile

Arbouretum - Song of the Pearl

Correva l'anno 2007. La compagine di Baltimora era dedita a "Riti" subliminali tutti da "scoprire". Nel 2009 gli Arbouretum rinascono dalle ceneri della terra. Dopo Rites of Uncovering il suono, che si fa più pungente, genera Song of The Pearl. L'album produce un effetto acustico più denso e crudo del precedente. Permane la vena folk-doom, bluesy e cantautoriale ma i tono si ispessiscono. Si calzano riff più brutali all'interno di un vestito strumentale più immediato. Il rituale si trasfigura. La cerimonia è culto barocco delle ombre, una discesa tra le vibrazioni infuocate di un' Ade sonora.

False Spring avanza ossessivamente mentre le chitarre traghettano la canicolare voce di Heumann. Un'intro di batteria forgia la base ritmica di Another Hiding Place; una rovente visita nella fucina di Vulcano. In Down by the fall Line la vocalità si fa riverbero e i toni si distorcono. La title-track è il canto di una Musa vagheggiata da estatici arpeggi di chitarra. Thin Dominion è sorretta dall'incedere di percussioni infernali. Infinite Corridors è una nevrotica corsa strumentale nel labirinto di Minosse. Poi è la volta della inquieta The Midnight cry. Il viaggio nell'oltretomba termina con la cover dylaniana Tomorrow is a long time,
resa più sognante ed eterea dell'originale.

Con Song Of The Pearl gli Arbouretum si guadagnano un posto d'onore nell'Olimpo dei bravi musicisti.

"Nel mezzo del cammin di nostra vita"......................
Consiglierei questa "Perla" di album da custudire gelosamente tra le dita.




il gio 01 gennaio 1970 da Ida Stamile
Commenti: 4
non valutato -