Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Brian Harnetty & Bonnie “Prince” Billy - Silent City
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_bonnie.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/normal_bonnie.jpg" alt=" Brian Harnetty & Bonnie “Prince” Billy - Silent City" width="140" height="140" />
Genere: songwriting, neo-folk
Data uscita: 28/9/2009
Label: Ruminance / Goodfellas
Durata: 41 mins
Sito Web: N.A.
Voto: 8.5/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Brian Harnetty & Bonnie “Prince” Billy - Silent City

Brian Harnetty, artista e musicista dell’Ohio, probabilmente non sarebbe riuscito a fare un album così ben confezionato senza l’apporto decisivo delle idee, e della voce, di Bonnie “Prince” Billy. Ma poco importa. Il loro “Silent City” è uno di quei dischi che non possono passare inosservati, per la qualità del pensiero musicale e la cura riversata nel particolare timbrico.

Dodici brani dall’atmosfera suggestiva dove la voce di Will Oldham si fa spesso figura primaria, imprescindibile, con la sua densa bellezza e profondità espressiva. Dietro di lui si muovono i colori opachi di una batteria marziale, di un pianoforte che crea tensione, di una nutrita serie d’interventi strumentali (compresi alcuni accenti di fiati) e qualche inserto preso dalla tradizione folk e gospel a stelle e strisce, che non guasta.

Gli andamenti sono sempre tranquilli. La città silenziosa e descritta di notte, quando tutto tace e le forme si possono osservare con cura, senza precipitazione. I tre brani conclusivi sono quelli meglio riusciti: “Some Glad Day” sembra un invito al raccoglimento spirituale; lo strumentale “As Old as a Stars” un’improvvisazione ispirata alle stelle cadenti; “To Hear Still More” un piccolo tappeto preso in prestito dal salotto buono di Brian Eno.

L’album si risolve in quaranta minuti sfuggenti. Giusto il tempo necessario per tracciare un solco indelebile e salutarci prima che arrivi il nuovo giorno, con i suoi rumori e le sue inevitabili distrazioni.




Nessun articolo correlato
il dom 04 ottobre 2009 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 4 Punteggio Assegnato all'Autore: 85/100
non valutato -