Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Pippo Pollina - Fra Due Isole
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/pippo%20pollina.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/pippo%20pollina.jpg" alt=" Pippo Pollina - Fra Due Isole" width="140" height="140" />
Genere: canzone d’autore italiana
Data uscita: 9/2009
Label: Storie di note / Egea
Durata: 60 mins
Sito Web: pippopollina.com
Voto: 9.0/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

Pippo Pollina - Fra Due Isole

“Fra due isole”, l’album dal vivo che celebra i primi venticinque anni di carriera di Pippo Pollina, è un lavoro stupendo. Questo perché, oltre a essere una raccolta sufficientemente esaustiva dei brani più convincenti firmati dal cantautore palermitano, presenta una tessitura musicale pregiata, dovuta alla partecipazione degli oltre settanta elementi dell'Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Zurigo.

Ensamble superbamente diretto da Massimiliano Matesic, il quale ha svolto un ruolo fondamentale nella realizzazione di questo progetto curandone gli arrangiamenti. Un percorso intelligente che ha portato al perfetto equilibrio tra l’eleganza degli sfondi classicheggianti e i primi piani cantautorali di Pollina.

Figure che emergono con decisione fin dall’apertura affidata a una imprendibile “Leo”, piena di poesia, commozione, eleganza. Pollina non risparmia i passaggi di maggior richiamo popolare come “Chiaramonte Gulfi”, proposta anche come bis, senza mai perdere di vista il lato più intellettuale della sua arte. In tal senso sono degli autentici colpi al cuore le varie “Due di due”, “Il pianista di Montevideo” e l’immancabile “Signore da qui si domina la valle”.

Pippo tiene sempre ben saldo il filo del discorso, la sua voce è una sorgente d’emozioni e il supporto dell’orchestra non è mai eccessivamente invadente, limitandosi (si fa per dire) a restituire nuove luci e nuove vie d’espressione ai brani. Gli applausi del pubblico sono accorati, trapela aria di gran serata, di quelle che non si dimenticano facilmente. Per dirla breve: la musica contenuta in “Fra due isole” mette i brividi




Nessun articolo correlato
il lun 12 ottobre 2009 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 7 Punteggio Assegnato all'Autore: 90/100
non valutato -