Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



The Fiery Furnaces - I’m Going Away
http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/fiery-furnaces-im-going-away-album-art.jpg ">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/fiery-furnaces-im-going-away-album-art.jpg " alt=" The Fiery Furnaces - I’m Going Away" width="140" height="140" />
Genere: Indie pop
Data uscita: 10/2009
Label: Thrill Jockey, Self
Durata: 47 mins
Sito Web: thefieryfurnaces.com
Voto: 8.5/10
Recensito da: Roberto Paviglianiti

The Fiery Furnaces - I’m Going Away

I Fiery Furnaces mettono a segno il loro ennesimo colpo vincente. Ottengono - dopo otto album in studio – un’invidiabile media di cose riuscite e si confermano come una delle migliori realtà del panorama attuale, anche perché molti dei loro colleghi, iscrivibili al registro dell’indie-pop, dopo un buon disco d’esordio spesso si afflosciano come soufflé cotti in fretta.

Dodici pezzi con il sorriso sulle labbra, realizzati con la consueta arguzia compositiva che in giro trova pochi rivali e la voglia costante di rimettere la posta in palio a ogni passo rendono “I’m Going Away” uno dei migliori album di quest’annata.

Eleanor e Matthew Friedberger fanno oscillare vertiginosamente la loro musica fin dalle prime battute della title-track, caratterizzata da un groove attorcigliato, e propongono un pop deliziosamente disinvolto che trova i suoi migliori esempi in “Drive to Dallas”, una dolce ballata che non risparmia sorprese, e nella funambolica “Charmaine Champagne”. Ci sono poi i passaggi più distesi, meno cervellotici, come “Cut the Cate” e “Even the Rain”, buoni a tenere l’intero lavoro in equilibrio tra slanci di fantasia e una certa rigorosità che non guasta e rende il tutto maggiormente fruibile, e soprattutto comprensibile.

I Fiery Furnaces non risparmiano soluzioni d’alcun genere, coltivano idee che mantengono il loro “I’m Going Away” sempre vivo e, pur avendo esattamente in testa la lezione dei grandi del passato, riescono ad alzare in maniera decisa l’asticella del pop di oggi.




Nessun articolo correlato
il sab 17 ottobre 2009 da Roberto Paviglianiti
Commenti: 2 Punteggio Assegnato all'Autore: 85/100
non valutato -