Rockaction.it
Myspace Rockaction.it
The Ocean - Pelagial

The Ocean - Pelagial

Pelagial è il climax della discografia dei The Ocean e uno dei punti più alti della storia della scena. Ripetersi sarà praticamente impossibile..ma è tanta la classe che straborda da questo disco che ci si può aspettare di tutto. Questo è il bigliet...

Leggi tutto...

Electric Sarajevo - Madrigals

Electric Sarajevo - Madrigals

Alzo le mani. Niente lascia trasparire inesperienza nel primo lavoro dei romani Electric Sarajevo. Niente è lasciato al caso o abbozzato. "Madrigals" parla chiaro e lo fa fin da subito. A cominciare dall'artwork del disco: elegante nei car...

Leggi tutto...

Anathema - Weather Systems

Anathema - Weather Systems

Gli Anathema sono stati uno dei più importanti gruppi doom di tutto il panorama metal. Cupi, crepuscolari, pesanti e al tempo stesso capaci di un'intimità senza fine: queste le caratteristiche dei loro primi meravigliosi dischi. Destò scalpore dif...

Leggi tutto...

Kyuss - Blues for the Red Sun

Kyuss - Blues for the Red Sun

Nella mente di ogni appassionato del genere stoner-rock, è inevitabile ricordare la formazione simbolo di una band storica come i Kyuss, che riuscì, con pochi mezzi ma con idee chiare, a realizzare uno dei dischi che, di fatto, diede vita al genere s...

Leggi tutto...

Dente - Io tra di Noi

Dente - Io tra di Noi

Dente ha fatto del minimalismo e della semplicità due delle sue caratteristiche principali. Essere se stessi non può essere una colpa, e così chi ha accusato nel passato il giovane cantautore di peccare d'artificiosità, forse dovrà cominciare a ...

Leggi tutto...

Arctic Monkeys - Suck It And See

Arctic Monkeys - Suck It And See

Gli Arctic Monkeys sono tornati e cambiano ancora una volta se stessi e il loro impatto. Suck It And See, il loro nuovo album dal titolo molto discusso, ha lasciato molti con le orecchie tese per sentire se qualcosa del passato della band sia rimast...

Leggi tutto...

Secret, The - Solve et Coagula

Secret, The - Solve et Coagula

Trieste è una città fredda, offesa dalla Bora che la rende più tri(e)ste. Ma i The Secret, formati nel 2003, sono invece caldi e protetti dall’imponente Southern Lord, gente che di certo non si scomoda facilmente per una band italiana. Arrivati al te...

Leggi tutto...



Il Teatro degli Orrori - A Sangue Freddo
" rel="external">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/teatro_degli_orrori_sangue.jpg">http://www.rockaction.it/e107_plugins/coppermine_menu/albums/userpics/10002/teatro_degli_orrori_sangue.jpg" alt="Il Teatro degli Orrori - A Sangue Freddo" width="140" height="140" />
Genere: rock
Data uscita: 30/10/2009
Label: La Tempesta / Universal
Durata: 50 mins
Sito Web: ilteatrodegliorrori.com
Voto: 8.5/10
Recensito da: Ida Stamile

Il Teatro degli Orrori - A Sangue Freddo

L'allucinazione come la vita e l'effige che si fa idea. La musica che fugge la dittatura dei contenuti dogmatici rincorrendo l'anarchia testual/sonora e costruendo brandelli d'esistenza quotidiana: questo è Il Teatro degli Orrori. Secondo protagonista (dopo il primattore Dell'Impero delle Tenebre) di questo spettacolo, stravolto e purgato dalla vita stessa, è l'album A Sangue Freddo. Tematiche sociali, religione, amore, solitudine, ingiustizia e cinica ironia si muovono nel palcoscenico che urla riff graffianti di chitarra e dove l'allestimento scenografico è “lucida crudeltà” interiore affrescata d'istinto. Il disco dà così sfogo alle angosce della propria epoca attraverso un suono magico e primitivo che esorcizza e sovverte logica e pensiero. Registrato analogicamente presso le Officine Meccaniche di Milano, l'album è come un congegno elettrico capace di creare dissonanze e modulazioni, un “Cencio” da strizzare per ottenere distorsioni ritmiche. Tra le “comparse” appaiono: Jacopo Battaglia (batterista dei romani Zu), che suona in Die Zeit e in Padre Nostro, Giovanni Ferliga (polistrumentista degli Aucan, che suona la chitarra solista in La Vita è Breve), Angelo Maria Santisi e Nicola Manzan - quest'ultimo ideatore del progetto “Bologna Violenta” - rispettivamente al violoncello e violino in Io ti Aspetto e in Alt. Francesca Gaiotto suona il pianoforte nello stesso. Paola Segnana, autrice della musica di Io ti Aspetto, nella canzone suona anche lei il pianoforte. Ed ancora: Richard Tiso suona il basso in Die Zeit, Robert Tiso gli affascinanti bicchieri musicali in Die Zeit e Io ti Aspetto, e infine i Bloody Beetroots collaborano alla creazione di Direzioni diverse.

In questo teatro globale, politico e ideologico la fisicità delle parole ipnotizza e la scrittura ritmica diventa “geroglifico” che provoca una sorta di nitida e cosciente trance acustica. Il sipario si apre con Io T'Aspetto dove il terrore della perdita si fonde alla piattezza sonora di una sigaretta appena spenta. Segue la carica cattiva di Due e la Titletrack che, spruzzata di citazionismo degregoriano, omaggia lo scrittore etiope, leader del MOSOP (Movement for the Survival of the Ogoni People), giustiziato il 10 Novembre del 1995 per aver osato protestare contro i magnati del petrolio. Arriva poi Mai dire mai e la raffinatezza electro-minimale dell'amore “senza né despoti né preti” di Direzioni Diverse, remixata da Bob Rifo dei Bloody Beetroots. Terzo Mondo è mancanza di cibo e fame d'amore, mentre Padre Nostro è un'invocazione senza Dio sulla scena dove la parola resta e la musica diventa gesto all'interno di un sistema. Majakovskivki è invece trasgressione sociale che musica l'irriverente e anticonformista Carmelo Bene nel suo riadattamento di "All'amato me stesso" di Majakovskij. Lo spirito di Bene pare essersi impossessato della vocalità di Capovilla. Sul finale si susseguono la violenza poliziesca di Alt!, la rarefatta ipocrisia quotidiana di E' colpa mia e l'omicidio poetico e latente de La vita è breve. Chiudono il sipario gli undici minuti di Die Zeit.

L'ascoltatore è posto davanti a realtà oggettive. Nessuna via di fuga, solo la possibilità di ascoltare, partecipare e interagire con suono e parole. L'album diventa vero e proprio strumento di riflessione ed esperienza esistenziale che purifica il pubblico tanto da contagiarlo. Non è rappresentazione ma evento che esprime la quotidianità evocando metafore mitiche e arcaiche. A Sangue Freddo: un'opera d'arte carica di bellezza sacrale e magica che tramuta le note in sangue caldo.




il gio 01 gennaio 1970 da Ida Stamile
Commenti: 5
non valutato -