I 100 Migliori Chitarristi di Tutti i Tempi

I 100 Migliori Chitarristi di Tutti i Tempi

di Marcello Zinno

Anche noi abbiamo bisogno di classifiche. A tutti gli appassionati di rock e di musica in generale piace mettere un numeretto accanto al proprio artista preferito e scoprirlo oggettivamente più bravo rispetto all'altro, da sempre odiato e lasciato all'ascolto altrui. E, pur sapendo che le classifiche risentono sempre della soggettività o dei sistemi matematici con cui sono create, non possiamo non denunciare la "top 100 Greatest Guitarists" di Rolling Stone (consultabile qui: http://www.rollingstone.com/music/lists/;kw=[4541,14728] ) come un vero e proprio oltraggio alla musica. Niente da dire per Jimmy Page al 9° posto e nemmeno per Jerry Garcia (leader dei Grateful Dead) al 13°, sicuramente per la sua capacità di uscire fuori dagli schemi, ma è fuori dubbio che Kirk Hammet (Metallica) all'11 può risultare un gesto coraggioso, soprattutto se si considera che il suo antagonista di sempre Marty Friedman (Megadeth) esce fuori dalla top 100. E cosa dire di Angus Young, chitarrista classico quanto istrionico che ha portato gli AC/DC ad essere un'icona del (hard) rock mondiale, e qui secondo la notissima rivista messo solo al 96° posto.

Da qui ovviamente le domande su quali siano stati i criteri di classificazione degli artisti piovono a dirotto visto che a prima occhiata sembra sia stato adottato il “metodo del frullatore”: una lista di chitarristi scritta a memoria su carta straccia e con lo stesso indice posizionata gerarchicamente in ordine di importanza ed influenza per i musicisti a venire. Ovvio, il primo posto è scontato (se non l'avete ancora capito scopritelo voi stessi, non vogliamo togliervi la curiosità) ma che dire dell'86° posto di Tony Iommi (Black Sabbath)? O anche del 52° di Lou Reed? O ancora del 39° di Brian May (Queen)? Certo è che la rivista si discolperebbe affermando che non sono stati considerato solo i chitarristi del rock ma di tutti i generi musicali ed è ovvio che noi di Rockaction abbiamo delle preferenze (scusateci ma non possiamo rinnegare il Rock anche perché è fuori dubbio che la chitarra sia LO strumento della musica rock, altrimenti convinceteci pure a suonare la tromba con un gonfiatore di canotti!). Fatto sta che noi non siamo per niente soddisfatti della lista ed una fonte così accreditata di musica che ha la responsabilità di portare l'informazione musicale nel mondo non può sottovalutare un lavoro così rilevante come questa classifica.

E Jeff Buckley? Joe Satriani? Steve Vai? John Petrucci? Paul Gilbert? Dave Navarro? Jason Becker? Tommy Emmanuel? Dave Mustaine? Che fine hanno fatto? Troppe domande lascia questa classifica mentre invece questi tipi di lavori dovrebbero trasmettere conoscenza e curiosità. Per noi: bocciati!