Earth – The Bees Made Honey in The Lion's Skull














Earth – The Bees Made Honey in The Lion's Skull

Genere:Psych-metal
Data uscita:2008
Label:Southern Lord
Durata:N.A.
Sito Web:thronesanddominions.com
Voto:8.0/10
Recensito da:Giuseppe Celano
"Earth

Earth – The Bees Made Honey in The Lion's Skull

Sette brani della durata media di sette minuti sono il materiale incandescente di questo nuovo lavoro degli Earth.
Per chi attendeva, ansioso, nuovi esperimenti, sperando in composti e miscugli pieni di drones e strane correnti post-metal, c’è subito da chiarire che questo nuovo lavoro non viaggia affatto sulla riga dei Sunn O))) e non è legato al classico metal, anche se è un’etichetta come la Southern Lord a produrlo.

Potremmo definire la musica degli Earth una corrente magmatica intensa, incapace di arrestarsi nonostante la sua pesante lentezza sembri rallentarla di brano in brano. Sebbene non vi siano delle sferzate graffianti, il suono è un impasto heavy irrobustito da potenti e scuri intrecci pinkfloydiani. “Rise To Glory” ne è l’esempio calzante, con il suo incedere maestoso e ricco di strani e sinistri sibili in sottofondo.

Su tutta l’opera svettano le pennate calde e lisergiche di Dylan Carson, leader del gruppo, capace d’imprimere quel suono tipicamente southern al sound band.
In mezzo a tutto questa lentezza fluida, e allo stesso tempo ricca di pathos, c’è posto per “Engine Of Ruin”, punta di diamante nella quale si fondono il contributo di una vecchia conoscenza di nome Bill Frisell, che di certo non ha bisogno di presentazioni. e il suono ieratico e maledetto dell’organo di Stevie Moore.

Questo nuovo cd degli Earth è un passo in avanti nel modo di concepire la musica delle polverose e desolate lande americane.
Sarebbe perfetto come colonna sonora, postuma, del film “Non Ė Un Paese Per Vecchi”. Provate a sostenere la micidiale e asfissiante calma di “Omens And Portents II: Carrion Crow” e immaginatela come sottofondo della scena post-massacro messicano del film. Avrete così una vaga idea di ciò a cui mi sto riferendo.

Per menti atletiche, abituate a prove sotto sforzo!!