Carpisa Neapolis Festival 2008
















Carpisa Neapolis Festival 2008


GIOVEDI 17 LUGLIO 2008
CARPISA NEAPOLIS FESTIVAL
MOSTRA d’OLTEMARE + ARENA FLEGRA (NAPOLI)

Partirà giovedi 17 luglio il Carpisa Neapolis Festival con Massive Attack e la “reunion” (per l’occasione) degli Almamegretta con Raiz.
C’è grande attesa per l’undicesima edizione del festival rock più importante del Sud Italia e sono tante le novità assolute e dell’ultima ora che la caratterizzeranno. Location, l’area della “Mostra d’Oltremare” di Napoli, con l’annessa “Arena Flegrea”.

Il Cinema “impegnato” al Neapolis
Giovedì 17 Luglio, prima dell’esibizione dei Paranza Vibes, degli Almamegretta con Raiz e dei Massive Attack, sarà proiettato Biutiful Cauntri, lo scioccante  documentario sull’ecomafia in Campania.
Nei giorni del festival, inoltre, due telecamere seguiranno lo svolgersi del Carpisa Neapolis: dalla creazione del palco al concerto, dal backstage agli eventi collaterali del festival; riprese che confluiranno in un documentario.
A girarlo saranno due antropologhe, Angela Verrastro e Flaviana Frascogna, collaboratrici della cattedra di Antropologia Culturale – Etnofotografia, del Prof. Alberto Baldi,  presso la Facoltà di Sociologia dell' Università di Napoli “Federico II”.
Al Neapolis anche la letteratura è rock
Sarà allestito il Book Corner, uno spazio attrezzato, dedicato alla presentazione di libri, sempre all’interno della Mostra d’Oltremare.
Mercoledì 23 Luglio alle ore 17.30, presso il Book Corner, sarà presentato “Broken Heart Scene. I testi dei Joy Division” (Arcana Edizioni), un libro di Marco Di Marco, in cui l’autore affronta la vita breve ma intensa di uno dei gruppi che ha maggiormente influenzato questi ultimi 30 anni di musica. A parlarne con l’autore sarà Alfredo D’Agnese, giornalista de La Repubblica.
Giovedì 24 Luglio alle ore 17.30, invece, toccherà a “Mix-tape”, il libro di Thurston Moore, leader dei Sonic Youth, uscito per ISBN. A parlarne saranno il giornalista, nonché editor ISBN, Alberto Piccinini; Francesco di Bella, leader dei 24 Grana; e Lello Savonardo, docente di Sociologia della musica presso la Facoltà di Sociologia dell’Università di Napoli “Federico II”.
Le band emergenti
Il Carpisa Neapolis Festival non dimentica i giovani musicisti: all’interno del Book Corner, sarà allestito un palco dedicato alle band emergenti.
Il Carpisa Neapolis Festival per l’ambiente
Il festival sposa l’iniziativa Edison Change the Music, il primo progetto italiano per sviluppare la cultura della sostenibilità e del risparmio energetico nella musica. In futuro il “Carpisa Neapolis Festival” si impegnerà a far sentire la musica risparmiando energia.
All’interno degli spazi del festival, inoltre, ci sarà un’istallazione ecologica. Un’enorme chitarra, alta 10 metri, realizzata grazie al sostegno dell’associazione Art Onlus e con materiali di risulta quali ferro e plastica.

Torna a Casa PET
Cento spettatori assisteranno agli eventi musicali del festival grazie ai biglietti avuti in omaggio dal progettoTorna a casa PET”: è bastato consegnare presso gli stand della Socib (primo imbottigliatore indipendente in Italia) 30 bottiglie di plastica per avere gratuitamente un biglietto per una delle tre serate del festival.
Il progetto “Torna a casa PET” ha raccolto e recuperato complessivamente, fino ad oggi, 8 quintali di plastica, nasce da un’idea di SOCIB, in collaborazione con l’associazione Bidonville, consolidata realtà ambientalista attiva da anni nella città di Napoli ed è stato realizzato con la sottoscrizione di un patto d’intesa tra SOCIB e la Regione Campania (Assessorato all’Agricoltura e alle Attività Produttive e Assessorato all’Ambiente). L’iniziativa vanta del  patrocinio morale di Corepla, Federconsumatori e Assobibe (Associazione italiana tra gli Industriali delle Bevande Analcoliche).
L’Associazionismo
Al festival aderiscono le associazioni Amnesty International, Greenpeace, Terra!, e la Scuola Italiana di Comix con il progetto Comix For Africa.
Il Festival nei festival
Come di consueto, Il Carpisa Neapolis Festival accoglierà, a mo di “mamma chioccia”, alcuni tra i festival musicali più interessanti della Campania: Atellana Festival (Caserta), Farcisentire (Caserta), Six Day Sonic Madness (Benevento), Lo Sguardo di Ulisse (Napoli), Gramola Fest (Napoli), Circuito Jazz Campano e World Festival (Salerno).
Con il “MEI-Meeting delle Etichette Indipendenti” da anni si è attivata un’importante collaborazione. Quest’anno una band campana sarà ospite sul palco del MEI 2008.

Una nuova, importante edizione del “Carpisa Neapolis Festival 2008” che si conferma tra i più conosciuti in Europa, con un pubblico che arriva dalle più disparate latitudini e longitudini del Continente, in un “anno nero”  per Napoli, in cui il mondo ha conosciuto l’immagine “meno pulita” della città, e che ha reso ancora più difficile l’organizzazione della rassegna.

Costo biglietto:
17 luglio: euro 25 + 3,50 d.p.
23 luglio: euro 30 + 4,50 d.p.
24 luglio: euro 15 + 2 d.p.

Costo abbonamento 23 e 24 luglio: euro 40 + 6 d.p.

E’ possibile acquistare i biglietti presso le prevendite abituali o su internet:

www.etes.it
www.ticketone.it
www.greenticket.it
www.bookingshow.it

Per qualsiasi info sul festival, si consultino i siti
www.neapolis.it
www.myspase.com/neapolisfestivalpage