Adam Green @ Carroponte, 30/05/2013

 Il concerto di Adam Green al Carroponte ha lasciato il segno nei moltissimi appassionati di musica folk statunitense. Premiati da una serata di tempo bello dopo settimane di pioggia, che avrebbero messo in seria discussione l’evento all’aperto, il pubblico accorso ad ascoltare l’ex Moldy Peaches non è rimasto deluso dalle sonorità del musicista newyorkese che annovera tra i suoi fans anche l’attore Jack Black (il protagonista del bellissimo School of Rock). Attualmente la carriera solista di Green sta andando avanti prolificamente e lui ha deciso di spaziare ulteriormente e dedicarsi anche al cinema. Le sonorità di Adam Green riportano alla mente un genere di musica che passa da mostri sacri del folk statunitense come Leonard Cohen e Richerd Hawley ma con una nota di “folle genialità” che rende le sue composizioni piacevolmente moderne. Come scritto in una recente intervista posso solo confermare che “Adam Green ha il gusto orchestrale di Randy Newman, le scelte melodiche di Johnatan Richman dei Modern Lovers  e quell’approccio un po’ intellettuale di Joe Pernice.” L’ultima volta che Adam è stato in Italia aveva al proprio fianco la bella e bravissima Binki Shapiro. Stavolta Binki non c’era ma il pubblico accorso al Carroponte non ha sentito molto la sua mancanza, letteralmente travolto dall’esuberanza di Green che ha deliziato i suoi spettatori improvvisando anche pezzi unplugged. Una grande serata trascorsa discorrendo tra i pezzi migliori della discografia di Green. Una serata da ricordare.