Sandy Muller @ Teatro Quirino – Roma 08/02/2010














Sandy Muller@Teatro Quirino – Roma 08/02/2010

"Sandy


Sandy Muller@Teatro Quirino – Roma 08/02/2010

Presentazione del Disco Falsa Rosa

di Roberto Paviglianiti

In un anonimo lunedì sera capitolino la cantautrice italo-brasiliana Sandy Müller ha presentato dal vivo il suo terzo album, dal titolo “Falsa Rosa”, davanti all’ingessato pubblico del Teatro Quirino “Vittorio Gassman”. Una performance che ha sicuramente reso felici gli amanti del bel canto e della musica curata nei minimi dettagli, dal momento che la Müller si è espressa su livelli vocali eccelsi, su uno sfondo sonoro che ha visto protagonisti, tra gli altri, il fiatista Nico Gori e il chitarrista Claudio Pezzotta. Questi due meritano un plauso, dal momento che Gori si è rivelato un valore aggiunto in senso assoluto – da sottolineare un paio di soli, uno al clarinetto e l’altro al soprano, da far accapponare la pelle -, mentre Pezzotta, chitarrista dal tocco superbo, è, di fatto, la pietra angolare dell’intero progetto.

La Müller – visibilmente emozionata e incerta nelle presentazioni dei brani, quanto tenace e capacissima nell’interpretazione degli stessi – è riuscita a far emergere le commistioni di cui si nutre la sua anima musicale. Timbriche acustiche che si amalgamo a sonorità elettriche; classici della musica brasiliana (“Trilhos urbanos” di Caetano Veloso) cantati in italiano e brani pop italiani (“Balla balla ballerino” di Lucio Dalla) vestiti in lingua portoghese; momenti intimi di solo voce e chitarra che lasciano spazio a straripanti situazioni d’insieme, soprattutto quando entra sul palco la ritmica brasiliana, fatta di tamburi, cavaquinho e buon umore. Un mescolamento di culture e forme di vario genere che già avevamo apprezzato su disco, ma che dal vivo ha acquisito maggiore spessore sotto il profilo dell’intensità emotiva e assunto tutte le tonalità di colore, velate da un’ammaliante saudade, che Sandy porta nel suo dna.

Il concerto si è mantenuto per la sua durata (più di un’ora e mezza) su standard qualitativi sopra la media, regalando ai presenti passaggi di assoluto valore artistico, e riuscendo a trasformare una serata come tante in un ricordo da portare nel cuore.