Apocalyptica – Inquisition Symphony

Apocalyptica – Inquisition Symphony

Arrivano direttamente dalla fredda Finlandia, armati solo del loro violoncello e danno vita ad un sodalizio infernale tra la grazia della musica classica e la crudezza del metal più feroce. Originali ed audaci, gli Apocalyptica hanno dedicato la maggior parte della loro carriera alla rivisitazione in chiave classica di alcuni tra i più grandi successi metal. Arrivati alla fama con “Plays Metallica By Four Cellos” (1996), pubblicano nel 1998 “Inquisition Symphony”, album di puro stordimento sonoro. Abili e ingegnosi, i quattro violoncellisti finlandesi si destreggiano elegantemente lungo tutti gli undici brani, riuscendo quasi perfettamente a riprodurre il suono marcatamente “heavy” dei pezzi originali. Spaziano magistralmente dalle cover dei Metallica (For Whom The Bell Tolls), ai Pantera (Domination), fino ad arrivare alle asprissime sonorità dei Sepultura (Inquisition Symphony e Refuse/Resist). Superbi in One e nella splendida Nothing Else Matters (i brani più melodici dell’album), emozionano anche nella riproposizione di un vecchio brano dei Faith No More: From Out Of Nowhere. Eccitante esperimento sonoro, Inquisition Symphony deve comunque molta della sua bellezza al fascino indiscutibile dei brani originali. Tuttavia un premio va senza dubbio all’originalità della proposta e alla bellezza della copertina (geniale!).