Belle and Sebastian – The Life Pursuit

Belle and Sebastian – The Life pursuit

Allegria e spensieratezza. Ti regala queste sensazioni l’ascolto di “The Life Pursuit”, nuovo settimo album degli scozzesi Belle And Sebastian. Tredici canzoni di pop solare e cristallino, ben rifinite ed arrangiate, che confermano la band di Stuart Murdoch, come uno dei gruppi pop più significativi dell’ultimo decennio. Certo, i fans della prima ora forse storceranno un po’ il naso di fronte al nuovo corso intrapreso dalla band, che, messo da parte l’intimismo adolescenziale dei primi leggendari lavori, ha allargato le maglie del proprio sound, insaporendolo con spezie soul, glam e funky proseguendo quindi, il percorso musicale intrapreso col precedente “Dear Catastrophe Waitress”. Ma, abbiate fede, dopo l’ascolto di queste tredici gemme, c’è poco da storcere il naso, anzi.
Il disco infatti (prodotto da Tony Hoffer, già al lavoro con Beck), scorre via che è un piacere ed ha lo stesso tonificante effetto di una birra ghiacciata in un soffocante pomeriggio estivo.Difficile non capitolare di fronte alle melodie spigliate e sbarazzine di Another Sunny Day e We Are The SleepyHeads, all’inno northern soul Funny Little Frog o alle atmosfere molto 70’s di White Collar Boy e The Blues Are Still Blue che strizzano l’occhio ai T-Rex e ai primi Roxy Music.
Song For The Sunshine poi, richiama moltissimo il sound dell’ultimo Beck, mentre chi ha nostalgia dei Belle&Sebastian più riflessivi e romantici, troverà adeguata consolazione in pezzi come Dress Up In you e Mornington Crescent.
This Is Pop, cantavano gli XTC ormai quasi trent’anni fa: beh, per The Life Pursuit definizione migliore non ce ne potrebbe essere.