Big Pink – A Brief History of Love

Big Pink – A Brief History of Love

È un duo di giovani polistrumentisti londinesi, Robbie Furze e Milo Cordell, a raccontare questa breve e intensa storia d'amore, solivaga opera prima registrata a New York e prodotta dalla 4ad. A Brief History Of Love è un album intriso di brama del ritorno, cordoglio della lontananza, viziosa disillusione e impenetrabilità sentimentale, che giace su un sostrato carnalmente elettrico ridondante di suoni campionati, synth distorti e shoegaze. Tastiere tortuose, chitarre altisonanti, batterie magnetiche e timbri vocali evocatori si fondono a melodie che mesmerizzano l'ascolto.

Si scorgono allucinazioni cristalline (Crystal Visions), feedback di vibrazioni emotive (Too Young To Love) e ballate avvolgenti e trascinanti come Dominos. C'è poi la profonda delicatezza di suono di Love in Vain, la solare grinta acustica di At War With The Sun e il vellutato, sintetico e sensuale sound amoroso di Velvet. Seguono le contorsioni elettriche di Golden Pendulum e di Frisk, e l'eleganza compositiva del duetto della romantica title-track. La storia si conclude con Tonight, con i riverberi di Count Backwards From Ten, con Stop The World e con le galvaniche sentinelle sonore di Introduction To Awareness.

Seppur imbevuto di reminescenze anni Novanta, quest'album è uno dei migliori esordi del 2009, ancora acerbo ma molto coinvolgente. Un album che narra d'amore tra furia, passione, appetiti e infatuazioni di musica e testi.

Da sfogliare ascoltandolo.