Bugo – Contatti

Bugo – Contatti

Cristian Bugatti in arte Bugo tenta l’assalto alle classifiche con questo nuovo CONTATTI, affidandosi alla produzione del genio danzereccio Stefano Fontana (Stylophonic). L’approccio lo-fi, già latente nel precedente SGUARDO CONTEMPORANEO (2006), è qui del tutto assente in favore di un’ elettronica tutta ritmo e ammiccamenti pop.

Per chi ha amato il Bugo di SENTIMENTO WESTERNATO (2001) e DAL LOFAI AL CISEI (2002) questo nuovo disco risulterà come un colpo al cuore, infatti le nuove liriche del poeta del cazzeggio di Trecate non esprimono la genialità infantile che distingueva Bugo dal resto del panorama musicale nostrano.

La produzione di Fontana, che qualche anno fa aveva riportato in pista i fan di Jovanotti con BUON SANGUE, funziona a fasi alterne con il talento bislacco di Bugo. Le sovrapposizioni di tastiere e sintetizzatori di Mr Stylophonic legano bene con le liriche meno introspettive firmate da Bugatti, esempi sono la strumentale “ Posso entrare ?” che ricorda l’irresistibile mood di “Geell”, il singolo “C’è crisi” dove le tastiere portano alla mente gli Air di MOON SAFARI.

La miscela perfetta tra Bugo e Fontana avviene nella gemma pop “Nel giro giusto” dove la famigerata poetica del Beck nazionale viene esaltata dall’azzeccata ritmica del talentoso Dj milanese. Funzionano decisamente meno i tentativi di trasformare l’originale artista di Trecate in una specie di rapper strampalato (Primitivo, Le buone maniere, Balliamo un altro mese) o in un romantico cantautore da classifica ( Love Boat, Felicità, Sesto senso).

Se l’obiettivo era quello di calcare i palchi estivi del Festivalbar, forse Bugo sarà ripagato dalla sua svolta, ma questo CONTATTI, seppure più eterogeneo e orecchiabile dei precedenti lavori, manca dell’inafferrabile genialità che il buon Bugatti riusciva ad esprimere con pochi accordi dissonanti e qualche rima strascicata. Noi amanti del Bugo vecchia maniera speriamo si tratti di un disco di transizione, che magari porterà uno dei massimi eredi dell’inarrivabile Rino Gaetano a scrivere in futuro la sua “Gianna” .