Cavallo di Troia – S.U.S. Succede una sega

Cavallo di Troia – SUS Succede una sega

Un “nulla di fatto” dai risvolti musicali; uno slogan/manifesto sonoro quello dei S.U.S. – Succede una sega (Alessio Chiappelli: voce, chitarre; Duccio Stefanelli: basso, tastiere; Lorenzo Cammilli: batteria), dal sound punk-noise, con ritmiche dalle sfumature indie, funk e swing e forti matrici cantautoriali. L'esordio discografico della band, Il Cavallo di Troia, è una locandina di parole schizofreniche, un cut-up pubblicitario reale e straniante, un jingle diretto, scarno e spigoloso.

La réclame prende il via con la nichilista Succede una sega, seguita dalla strumentale Digging for birds. Vengono poi sputate sull'ascoltatore le irriverenze underground de: Gli errori di Copernico; La cura; Ubriaco. “Echi” funky esplodono in Dance e il R&R muove Uovo alla coque. Si conclude con la biologia primordiale di Rimpiango l'utero, Questa città e con le variazioni acide di suoni, dall'impianto free jazz, di Esplosione di una raffineria.
Il Cavallo di Troia è un disco folle e dal sound alientante; poster sgangherato e surreale, negativo goliardico di un mondo filtrato dalle luci a intermittenza di un annuncio pubblicitario.