Death Mantra for Lazarus – MU

Death Mantra for Lazarus – MU

I Death Mantra for Lazarus sono l’incontro di quattro musicisti appartenenti alla realtà del panorama indie abruzzese, che hanno messo insieme la loro esperienza per tentare questo interessante esperimento.

Il loro lavoro d’esordio, dal titolo “MU”, racchiude in 45 minuti sei passaggi tutt’altro che scontati, capaci di confrontarsi con un post rock autentico, in lenta ma continua trasformazione, visto che i ragazzi amano costruire le loro strutture musicali con estrema cautela, senza lasciare spazio a ripensamenti e virate improvvise (“Atlantide”). Azzeccati gli inserimenti delle parti di violino eseguite da Federica Vignoni, in grado di allargare un orizzonte timbrico che in alcune parti sembra troppo piegato su se stesso (“MU”); buona anche l’idea di mettere in scaletta il brano cantato dall’ospite Umberto Palazzo dei Santo Niente (“Maria Callas”); non male tutta la serie di piccoli, ma decisivi, sottintesi ritmico/melodici che rendono l’ascolto delle tracce vivo e mai prevedibile.

Se non avete confidenza con i lunghi tappeti strumentali tenetevi alla larga da questo titolo, se al contrario amate le sonorità che si sedimentano con calma, è decisamente il caso di riservare ai Death Mantra for Lazarus più di qualche ascolto.