Emanuele Errante – Migrations

Emanuele Errante – Migrations

Emanuele Errante inizia la sua carriera solista sotto lo pseudonimo di Mais. Nel 2004 la netlabel Maetrixsolution pubblica il suo primo album, "Stand", che riscuote un grande interesse tra gli addetti ai lavori. Dopo l'uscita dell'album comincia a sperimentare sonorità ambient fondendo elementi acustici e soundscape elettronici. Da questo lavoro nasce "Absolute", EP che viene pubblicato da Maetrixsolution a maggio 2005 e, successivamente, stampato su CD-R sotto il suo vero nome. Tra i liveset del 2005 al suo attivo, vanno menzionati l'Hefty Records Action Night con L'Altra (Hefty) e Retina.it (Hefty/Mousikelab), un liveset con Frame (Mousikelab) e la partecipazione al Lab30 Festival in Germania con Khonnor, Lackluster, Marsen Jules, Ulrich Schnauss, Xela, A&E. Nel 2006 comincia la sua collaborazione con il videoartist Mattia Casalegno, con cui realizza il progetto Info_Naturae 1.0, una performance audiovisiva ispirata al Mito della caverna di Platone. “Info_Naturae” viene presentato prima all'Iroko di Salerno, e successivamente alla 4a edizione di Interferenze, festival internazionale di suoni, arti visive e nuovi media in San Martino Valle Caudina (AV) che vede la partecipazione, tra gli altri, di Biosphere, Tape, Deaf Center, AGF, Vladislav Delay, Deadbeat, Andy Vaz, Retina.it A ottobre 2006 esce Migrations, CD prodotto dall'etichetta canadese Apegenine Recordings, che raccoglie gran parte delle tracce di Info_Naturae e che include una traccia video di Mattia Casalegno. In “Migrations” Ego e Natura si fondono in un unico elemento generatore di trame evocatrici e visionarie. L'album è il risultato della ricerca sonora di uno stato interiore scevro da qualsiasi condizionamento artificiale, in cui è rivolta particolare attenzione alla scelta dei suoni, studiati in modo da far percepire come naturali anche le più complesse alchimie elettroniche. Il titolo dell’album indica quel passaggio, quello stato di transizione che l’uomo, per la sua stessa natura, percepisce come infinito e costante. Negli ultimi mesi del 2006 Emanuele Errante inizia una collaborazione con Stefano Panunzi, artista romano che ha lavorato, tra gli altri, con stelle del calibro di Mick Karn e Richard Barbieri. Contemporaneamente gli viene affidata la colonna sonora del cortometraggio “Ti Amo” (di Stefano Errante, produzione VideoBeans) che uscirà nei primi mesi del 2007. Emanuele Errante è inoltre il fondatore della netlabel OpenLab Records e l'ideatore del NetstockFest, il primo festival netaudio completamente online la cui prima edizione si è tenuta a marzo 2005 e che ha ricevuto l'attenzione dei grandi media, tra cui il quotidiano francese Liberation.