False Friends – The Unavoidable Light

False Friends – The Unavoidable Light

Falso nel nome ma decisamente sincero nell’intenzione, il progetto dei trentini False Friends ruota intorno alla figura di Michele Bertamini (voce e chitarra) e sfocia, dopo alcuni anni di gavetta, nella realizzazione del primo album. “The Unavoidable Light” esce per la net-label romana Peteran records e racchiude – in dieci brani graffianti e spontanei – le intenzioni musicali della band. Un suono dalle fattezze – sia per credo che per necessità – lo-fi; scarno, diretto e privo di strutture complesse.

I ragazzi mettono insieme nuovi brani ad alcuni già conosciuti nel precedente demo “Rock’n’ Roll Saviour” riuscendo nella non semplice impresa di produrre un buon suono d’insieme, fatto di momenti che lasciano intravedere soluzioni e intuizioni niente male (vedi la bella modulazione nel mezzo dell’open-track Spirit & Love) a situazioni assolutamente da rivedere per ambire ad un qualcosa di più consistente. Il riferimento è diretto a brani come Low Budget Song, dove i ragazzi cercano di esprimersi su frequenze lontane dal fulcro espressivo, smarrendosi inevitabilmente perché inadatte alle loro caratteristiche.

Si lasciano ampiamente preferire quando badano al sodo e virano verso una sanissima psichedelica, cosparsa di distorsioni ambientali che proiettano l’ascoltatore verso una concezione meravigliosamente underground che, malgrado le ristrettezze, respira e si riempie i polmoni di sonorità d’altri tempi.

Antipasto apprezzabile dunque, di un pranzo completo che, ci auspichiamo, Bertamini e sodali sapranno prepararci nel prossimo futuro.