Massive Attack – Collected

Massive Attack – Collected

Riassunto delle puntate precedenti. I Massive Attack fanno il punto della situazione. La band, da cui la critica di settore fa discendere il così detto Bristol Sound, pubblica “Collected”. Un’antologia che spiega in 13 tracce il percorso più innovativo del suono Trip Hop. Una raccolta che include alcuni brani tratti dai loro quattro album precedenti (“Blu Lines”, “Protection”, “Mezzanine” e “100th Window”) . Una collezione, come illustra l’artwork di copertina. Ritmi, immagini e suggestioni. Il disco è infatti disponibile anche in una versione limitata che, in due supporti, comprende anche rarità, remix e videoclip. “Collected” non vuole essere la riproduzione dei migliori successi suonati dai Massive ma una ricapitolazione che documenta l’anima di 3D e soci. ”Protection”, “Teardrop” e “Karmacoma” non potevano essere esclusi dalla playlist. Ma c’è spazio anche per “Five Man Army” ed “Angel”, canzoni meno illustri ma più aderenti allo spirito del gruppo, scansioni di un intima concezione di sé stessi. Ma c’è di più. Per l’occasione la band arricchisce il proprio patrimonio armonico con un inedito: “Live With Me”, come sempre servendosi di voci esterne al nucleo essenziale del collettivo. È infatti Terry Collier, vecchia gloria del R&B anni ’60 e ’70, a cantare il nuovo gioiello dei Massive, dando un tocco Soul al tetro scenario ritmico. Un altro passo verso l’immortalità. Una riprova di pionieristico ingegno. La storia, le note ma anche un assaggio del futuro.