Mckee, Ceanne – Wonderland

Ceanne Mckee – Wonderland

Nata nella stessa città di De Andrè, Lauzi, Tenco e Fossati, la giovane cantautrice Chiara Ragnini , in arte Ceanne Mckee, esordisce nel panorama musicale italiano col suo primo disco autoprodotto: WONDERLAND.

In verità i punti di contatto con la scuola genovese dei cantautori non sono molti, infatti le varie influenze che tingono il folk di questa giovane artista sono da cercare nel rock melodico d’oltreoceano. Pianista, chitarrista e cantante autodidatta, Chiara cresce musicalmente sotto la guida di importanti artisti della scena genovese, come Marco Canepa, Bob Callero e Dado Sezzi con i quali spesso divide il palco fin dal 1996. Dal 2005 in poi inizia a partecipare ai più importanti concorsi musicali italiani come il “Premio Bindi” ed il “Premio Suonatore Jones”, cominciando ad affermare concretamente il proprio nome. WONDERLAND è un compendio perfetto delle doti artistiche di Ceanna, 10 ballate che sfiorano tutte le sfaccettature del folk-rock, dove la Mckee si districa abilmente tra testi in inglese e in italiano.

Apre il disco “All my pleasure” una delicata ballata venata di jazz e sorretta da una discreta bossa nova di sottofondo. Nelle canzoni cantate in italiano Ceanna esprime tutte le proprie radici, un esempio è la malinconica “Estate” dove riaffiora la “lezione” dei grandi cantautori citati in precedenza. L’influenza più immediata nei titoli in inglese sembra essere invece Elisa, due pezzi su tutti : “All i have” e “On my own”. La dolce Chiara però non sa dispensare solo carezza e la grintosa “Every lie” è un pereftto esempio di come la chitarra possa diventare un’arma per “sparare” parole, ascoltandola è facile pensare ad Ani Difranco ed alla prima Alanis Morrisette. Se il mercato discografico premiasse il talento, le canzoni di Ceanne girerebbero in radio al posto dei troppi fenomeni da reality che affollano l’etere.