Naomi Punk – The Feeling

Un'immagine sbiadita di una Seattle anni Novanta traspare dalla musica e dall'inclinazione stilistica dei Naomi Punk. The Feeling conserva al suo interno questo tipo di approccio, a metà strada tra il grunge e il garage rock con notevoli irruzioni psichedeliche e una lieve attitudine punk. Erosioni di chitarre si fondono a istanti compositivi irregolari e abrasivi che costruiscono una struttura strumentale acida e granulosa su echi vocali distorti.

Decostruzioni e ricostruzioni deformanti e alterate di suoni che si mescolano in modo totalmente lisergico e a tratti lo-fi. Una sorta di alienazione sonora che esplode nella corrosiva Voodoo Trust, in divagazioni strumentali dagli attimi robotici (CLS + Death Junked) e dalle dilatazioni contorte (Gentle Movement Toward Sensual Liberation) , in effetti periodici (Trashworld) e rifrazioni ritmiche (Eon Of Love, The Buzz).

The Feeling è un album dalle disposizioni cromatiche varie, dai colori sbiaditi e pungenti, che ben si costruiscono all'interno di un arcobaleno sonoro deformato, ruvido e bilioso.