O.I.D – Live at Mikalsa vol. 1

O.I.D. – Live at Mikalsa vol. 1

Diciamolo subito, l’esordio discografico dell’Orchestra In-Stabile Dis/Accordo – ensamble variabile di quindici elementi – non è un disco di facile ascolto, anche se i più curiosi troveranno in questi 50 minuti diversi motivi d’interesse.

Gli otto pezzi (più una traccia video curata da Marta Tagliavia) ci portano a spasso attraverso la registrazione dal vivo al Mikalsa Bar di Palermo nell’aprile 2007, e mettono in luce l’inventiva, l’assoluta natura visionaria, poliforme, a tratti bizzarra di quest’entità che vede alternarsi al timone della conduzione Luca Lo Bianco, Francesco Guaiana e Marko Bonarius. Cosicché è un autentico piacere passare dall’arabeggiante “Melodic Segnature” agli spoken word interpretati dell’attore Davide Enia – incentrati sulle vicende della terra siciliana -, fino a immergersi nella fluidità di “It’s Jungle Sometimes” e provare a seguire gli andamenti dinoccolati di “Fiati sul collo”. Il tutto legato ben stretto da una voglia, che s’avverte netta, di muovere la musica verso territori inusuali, sorprendenti.

Quello della O.I.D. è un progetto interessante, messo in piedi da una nuova generazione di improvvisatori, capaci di spaziare dal jazz per come solitamente lo si intende ai deragliamenti free, sempre alla ricerca di uno spazio espressivo che va decisamente oltre gli stereotipi folk della Sicilia e che traduce in un unico linguaggio forme e colori diversi.