Palkosceniko al Neon – Lucas

A breve distanza da Disordine Nuovo, tornano le aggresive sonorità militanti dei Palkosceniko al Neon, conservando la loro estrema indentità ribelle e rivoluzionaria fatta di una ruvida mescolanza di metalcore, punk, Hardcore e spruzzate noise e di contenuti politicamente "scorretti". Lucas segue la via di un crossover distorto, malato e dai testi sovversivi e impegnati, restituendo un album diretto ed essenzialmente "brutale". Tra lame strumentali corrosive e brani taglienti, l'album incede con ritmo ossessivo e incalzante, partendo dalla "bulgakoviana" Cuore di Cane e dalla bella cover dei Negazione Brucia Di Vita e culminando con i cori di Con un filo di Voce e l'opaca quiete di piano in Disamore #2. Lucas è un buon prodotto dal piglio affilato e asciutto e dall'impatto violento, in grado di restituire una spietata immediatezza compositiva, ribelle e indipendente.