Papetti, Andrea – L’inverno a settembre

Andrea Papetti – L’Inverno a Settembre

Andrea Papetti è un cantautore vecchia maniera, di quelli che riversano nelle canzoni molta qualità espressiva, ricercatezza e modi garbati di intendere la forma di uno stile, quello della “musica d’autore italiana”, troppo stesso calpestato.

“L’inverno a settembre”, il suo album d’esordio, si distende per undici brani originali, più “Banneri” di Pippo Pollina che vede come ospite speciale proprio l’artista palermitano. Un’ora di musica dall’ambientazione chiaroscurale, votata a una profondità di linguaggio rara, che avvicina l’ascoltatore a temi importanti, come la lotta alla mafia (“L’uomo della verità” con riferimenti precisi a Peppino Impastato) o le tristi vicende conseguenti alla guerra in Iraq (“Inferno Baghdad”). Pepetti narra anche, e soprattutto, di episodi che ne hanno segnato il cammino personale: sentimenti, ricordi e dediche che si intrecciano senza lasciare spazio alla banalità, al semplice far leva sui sentimentalismi a buon mercato.

Una tavolozza timbrica ampia, fatta – oltre che delle consuete sonorità pop/rock – di innnesti azzeccati di fiati, fisarmonica e violoncello, fa da sfondo a un album curato e dalla grana pregiata.