Red Sparowes – Every Red Heart Shines Toward the Red Sun

Red Sparowes – Every Red Heart Shines Toward the Red Sun

La pubblicazione di “Every red hearth shines toward the red sun” segue di solo un anno quella di “At the Soundless Dawn”, primo gioiello sulla lunga distanza del quintetto statunitense, a dimostrare che i Red Sparowes non sono solo uno dei tanti side projects che rappresentano episodici sfoghi di artisti mai domi.

Il progetto di Meyer degli Isis e Josh Graham dei Neurosis, altra grande band della scena post metal, dimostra di avere una identità ben definita che sa bene la direzione da prendere.La seconda prova, seppur emotivamente meno incandescente della precedente, possiede una maggior organicità in grado di conferire maggiore densità all’amalgama.

Laddove c’erano continui e sconfinati crescendo il discorso gioca ad aumentare la tensione stringendo le trame, e quando il punto di saturazione sembra ormai prossimo, improvvisamente si aprono spazi ampi, libere fughe intrise di una drammaticità epica. Il fitto lavoro delle chitarre lascia permeare nella breccia fasci di luce che regalano alle composizioni sospiri di dilagante melodia strumentale, che volteggia libera seguendo dall’alto una massiccia quadratura ritmica, sicuro appoggio per ogni decollo.

L’impressionante capacità immaginifica della musica rende giustizia alla scelta di estromettere qualsiasi intervento vocale, scelta peraltro già effettuata anche ai tempi della prima produzione, a denotare che le parole avrebbero solamente ribadito concetti già ben scanditi.

Proprio come si dice commentando un filmato: le immagini parlano da sole.