Saga – The Human Condition

Saga – The Human Condition

I canadesi SAGA sono in attività dagli anni settanta. Dopo trentadue anni di carriera ancora continuano a sfornare dischi su dischi.
La formazione è cambiata, dopo l'allontanamento di Michael Sadler. A sostituire l'anello mancante Rob Moratti dei Final Frontier, voce molto diversa dal suo predecessore.

The Human Condition segna il passaggio di testimone Sadler -Moratti. Questo ennesimo lavoro della band lascia alquanto a desiderare. È poco prog troppo melodic-pop. Non emoziona e non entusiasma. È incerto e pregno di cadute di stile.

La title -track è un duello strumentale chitarra-tastiere. Step Inside ha un massiccio andamento melodico. Hands of Time è lenta e rilassata. Con Avalon il ritmo si fa più pungente. Segue A number with A name dai riff abrasivi. Poi è la volta di Now is Now, Let it Go e delle sonorità cattive di Crown of Thorns. A chiudere l'album il pezzo dall'animo rock You Look Good To Me .

Tecnicamente la stoffa c'è, ma vista la carriera ormai “bicentenaria” ci si aspetterebbe molto di più. Invece poca roba, solo canzoncine di dubbio valore.
Di certo, almeno i fan di vecchia data non tradiranno.