Slidin’ Slim – Brand New Face

In realta non ci sarebbe altro da dire se non che ascoltare questo disco potrebbe essere una piacevole sorpresa, oltre che un dovere per ogni amante del blues non scontato.
Sul blues si è detto, e visto, cosi tanto che appena un'artista si dichiara vicino a questo genere tendiamo a storcere il naso, ricoprendoci di pustole purulente.
Non è il caso di Slidin' Slim che si diverte a ricordare vagamente i cliches del blues mettendoci del suo e scrivendo brani davvero efficaci e interessanti.
Certo sembrerebbe davvero stupido e davvero arrogante voler inventare roba davvero nuova in questo campo, ma S.S. ha la capacità di essere quantomeno brillante e mai soporifero. Nessuna ballata macina coglioni in 4/4 all'orizzonte, ottimo bilanciamento fra sliding guitar e sferragliate elettriche che riempiono il suono, irrobustendolo con distorsioni corrosive, sono uno dei punti di forza. Anche il cantato, roco e sicuro, sofferto e vero, super la prova, le soluzioni melodiche, mai forzate, aumentano i pregi di questo bel disco di BLUES fatto con i controcazzi.
Nelle vostre compilation estive potrete scegliere fra le perle Somebody Wish I Was Dead e Brand New Face, passando per la conclusiva Ain't No Drinking.
Impossibile resistergli.