Urto – Upside Down

Urto – Upside Down

“Upside Down” è il punto esclamativo nella storia degli Urto. La band è attiva da inizio Millennio e dopo cambi di formazione, assestamenti, esperienze importanti e deliri di vario genere, pubblica questo primo full-lenght per la label Punishment 18.

Il nucleo thrash metal siciliano rilascia 45 minuti entusiasmanti e potenzialmente godibili anche per chi di solito non mastica queste pietanze stilistiche. Perché “Upside Down” porta in grembo un’attitudine da guerriglia urbana che non può lasciare indifferenti (“Remote Control Seizure”), un peso specifico – nell’impostazione delle track e nel modo di svilupparle – pesantissimo, e una capacità di progredire all’interno dei brani, si ascolti “The Second Coming” (da un testo del poeta William Butler Yeats), senza perder tempo a guardarsi troppo allo specchio.

La band, capitanata da Mimmo Saladino, trova l’ispirazione giusta in figure carismatiche e illuminanti come William Blake, Eugenio Montale e Aldous Huxley, non perde mai il filo di un discorso dai buoni contenuti, e cerca, spesso riuscendoci, di allontanarsi dall’appiattimento generale del metal tricolore. Insomma, una nutrita serie di motivi per lasciarci coinvolgere, e travolgere, dalla loro musica.